Accesso all'istituto con Green Pass

A seguito di entrata in vigore del Decreto Legge 10 settembre 2021 n. 122 avente per oggetto "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza da COVID-19 in ambito scolastico, della formazione superiore e socio sanitario-assistenziale", dall'11 settembre 2021 per l'accesso agli edifici scolastici è obbligatorio essere in possesso di Green Pass in corso di validità.

Pertanto all'atto dell'accesso all'edificio tutte le persone di età pari o superiore a 12 anni, con la sola eccezione degli studenti iscritti, dovranno essere in possesso del certificato.

Al fine di evitare contenziosi si ricorda e precisa quanto segue:

  1. Il possesso del Green Pass discende da un obbligo normativo; la scuola non può derogare da quanto previsto nel citato Decreto Legge;
  2. All'atto dell'accesso dovrà essere esibito il Green Pass in formato cartaceo o su Smartphone per consentire il controllo della sua validità da parte del personale preposto;
  3. In caso di esito negativo del controllo, anche solo per deterioramento del documento, il personale NON E' AUTORIZZATO a fare deroghe e/o a basarsi sulle indicazioni stampate sul Green Pass stesso;
  4. Il personale delegato al controllo NON E' PERSONALE MEDICO e, quindi, non può tenere conto di certificati di vaccinazione o esiti del test effettuato nelle farmacie o in altre strutture per far accedere le persone;
  5. Il semplice messaggio SMS ricevuto da ASL o farmacia per lo scaricamento del Green Pass non ha nessuna validità per l'accesso all'edificio;
  6. I Green Pass generati dopo la prima dose sono validi a partire dal 15° giorno e non prima (anche se scaricabili in precedenza);
  7. Dopo tampone rapido in farmacia o struttura convenzionata con ASL viene rilasciato un Green Pass temporaneo valido 48 ore che va scaricato esattamente come avviene per i certificati rilasciati dopo vaccino.
  8. La scuola NON PUO' FORNIRE il servizio di stampa dei Green Pass: sono le farmacie a fornire questo servizio al pubblico.

Come si ottiene il Green Pass:

  1. Green Pass valido 24 ore
    Viene rilasciato dopo aver fatto un test rapido in farmacia o in una struttura sanitaria convenzionata con ASL. La farmacia stessa può provvedere su richiesta alla stampa del Green Pass temporaneo. In alternativa l'utente riceve sul proprio telefono un link e un codice per la sua stampa e/o il suo scaricamento.
  2. Green Pass valido tra prima e seconda dose
    Viene rilasciato dopo 10-12 giorni dalla somministrazione della prima dose. Il servizio sanitario mette a disposizione sui propri siti il documento per lo scaricamento; solitamente - ma non sempre - invia anche comunicazione all'interessato su cellulare o via e-mail. Anche se scaricato appena disponibile, il Green Pass è valido a partire dal 15° giorno successivo alla vaccinazione.
  3. Green Pass valido 9 mesi (con possibilità che venga prorogato a 12)
    Viene rilasciato dopo la somministrazione della seconda dose di vaccino e messo a disposizione del cittadino con le stesse modalità indicate al punto 2. Nel momento di emissione del certificato definitivo, automaticamente il Servizio Sanitario annulla il precedente provvisorio, pertanto è indispensabile procedere allo scaricamento del nuovo documento.
  4. Green Pass per persone che sono guarite dal Covid-19 da meno di 6 mesi
    Viene rilasciato a coloro che si sono contagiati con il Covid-19 e ha validità di 6 mesi dalla data ufficiale di guarigione definita dall'ASL di appartenenza.

Maggiori informazioni in proposito sul sito https://www.dgc.gov.it/web/ dal quale è possibile scaricare il proprio Green Pass.

Esenti dal possesso di Green Pass per l'accesso:

  1. Studenti dell'Istituto regolarmente iscritti e frequentanti.
  2. Minori di anni 12.
  3. Persone per le quali l'ASL ha dichiarato l'esenzione dalla campagna vaccinale.
    In questo caso, e solo in questo, per l'accesso è necessario esibire certificazione medica che dovrà essere priva di qualsiasi motivazione legata allo stato di salute ma riportare lo stato di esenzione relativo al Green Pass.
    Le modalità di rilascio e la tipologia di documento sono definiti dalla Circolare 35309 del 04/08/2021 del Ministero della Salute, della quale si riporta un estratto, che viene pubblicata integralmente nella sezione Allegati di questa pagina.
    La certificazione di esenzione alla vaccinazione anti SARS-COV-2 (di seguito “certificazione”) viene rilasciata nel caso in cui la vaccinazione stessa venga omessa o differita per la presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, che la controindichino in maniera permanente o temporanea [...].

    Fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni, le certificazioni potranno essere rilasciate direttamente dai medici vaccinatori dei Servizi vaccinali delle Aziende ed Enti dei Servizi Sanitari Regionali o dai Medici di Medicina Generale o Pediatri di Libera Scelta dell’assistito che operano nell’ambito della campagna di vaccinazione anti-SARS-CoV-2 nazionale. La certificazione deve essere rilasciata a titolo gratuito, avendo cura di archiviare la documentazione clinica relativa, anche digitalmente, attraverso i servizi informativi vaccinali regionali con modalità definite dalle singole Regioni/PA, anche per il monitoraggio delle stesse.
    Le certificazioni dovranno contenere:

    ‒ i dati identificativi del soggetto interessato (nome, cognome, data di nascita);
    ‒ la dicitura: “soggetto esente alla vaccinazione anti SARS-CoV-2. Certificazione valida per consentire l’accesso ai servizi e attività di cui al comma 1, art. 3 del DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n 105;
    ‒ la data di fine di validità della certificazione, utilizzando la seguente dicitura “certificazione valida fino al _________” (indicare la data, al massimo fino al 30 settembre 2021);
    ‒ Dati relativi al Servizio vaccinale della Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale in cui opera come vaccinatore COVID-19 (denominazione del Servizio – Regione);
    ‒ Timbro e firma del medico certificatore (anche digitale);
    ‒ Numero di iscrizione all’ordine o codice fiscale del medico certificatore.
    I certificati non possono contenere altri dati sensibili del soggetto interessato (es. motivazione clinica della esenzione) [...].

Alcuni consigli pratici:

  1. L'applicazione per il controllo della validità del Green Pass è scaricabile liberamente dalla rete, si suggerisce pertanto di verificare prima di accedere all'istituto la validità del proprio documento.
  2. Evitare di piegare i Green Pass cartacei in corrispondenza del QR code perché ciò può comportare l'illegibilità del codice.
  3. Evitare di fotografare con lo Smartphone il proprio Green Pass cartaceo in quanto risulta elevata la possibilità che questo risulti poi non leggibile.
  4. In caso di stampa in autonomia del certificato, verificare che la propria stampante sia efficiente. Stampe di pessima qualità danno luogo a certificati cartacei illeggibili.

Si allega infine avviso del Dirigente Scolastico in merito all'applicazione del D.L. 10/09/2021.

Allegati
Avviso del D.S. su obbligo Green Pass esterni alla scuola
Decreto Legge 10 settembre 2021, n. 122
Circolare del Ministero della Salute - Esenti Green Pass